header background

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Sezioni

Tu sei qui: Home / Novità / blog articoli / Quanto e come le imprese contribuiscono al bene comune? Testimonianze a confronto
12 aprile 2019 - All’università di Padova l’evento
Quanto e come le imprese contribuiscono al bene comune? Testimonianze a confronto
Quanto e come le imprese contribuiscono al bene comune? Testimonianze a confronto
Quanto e come le imprese contribuiscono al bene comune? Testimonianze a confronto
“Economia del Bene Comune. Quanto e come le imprese contribuiscono al bene comune? Testimonianze a confronto”


Co-organizzato da Federazione per l’Economia del Bene Comune in Italia, Centro Studi Qualità Ambiente del Dipartimento di Ingegneria Industriale e con il patrocinio dell’Ateneo patavino e del Comune di Padova, l’evento di venerdì 12 aprile 2019 ha raccolto circa un centinaio di presenze tra imprese, studenti, accademici, consulenti aziendali, amministratori pubblici e cittadini interessati.

Invitato speciale, atteso con emozione, all’evento è stato Christian Felber, co-fondatore del movimento internazionale Economia del Bene Comune e autore dell’omonimo libro edito in Italia da Tecniche Nuove. Felber ha mostrato, a parole (...e fisicamente!) come il mondo stia camminando al contrario, con il denaro come fine, anzichè come strumento per una vita dignitosa per tutti entro i limiti ecosistemici planetari. Ha poi illustrato il modello dell’economia del bene comune, in cui tutti i soggetti (imprese, enti locali, cittadini, … ) contribuiscono positivamente al bene comune misurandosi sugli stessi valori di base: dignità umana, solidarietà, giustizia sociale, ecosostenibilità, trasparenza e democrazia. La visione è che i risultati vadano ad influenzare sia la quota di imposte che un’impresa deve pagare (minore è l’impatto negativo sul bene comune, minore la quantità di imposte) sia le scelte di acquisto dei cittadini, grazie al fenomeno del voto con il portafoglio. Questo non è solo un modello teorico, ma un movimento globale reale con 500 imprese (tra cui anche una banca!), 50 enti locali e diverse università che si valutano già utilizzando il bilancio del bene comune, 150 gruppi territoriali, 30 associazioni e 1 cattedra universitaria dedicata al bene comune.

A dimostrarlo anche Cooperativa Lavoratori Metalmeccanici (CLM) di Terrossa di Roncà (Verona), Macrolibrarsi di Golder Books srl di Cesena, Panacea Social Farm di Torino e Pineta Hotels della Val di Non (Trento), 4 imprese italiane che hanno appena terminato il processo di bilancio del bene comune e che hanno partecipato ad una tavola rotonda per condividere i punti di forza e di debolezza scoperti proprio grazie al percorso di bilancio intrapreso, ma anche i benefici riscontrati. Per gli imprenditori al tavolo il bilancio dà la possibilità di analizzare ed agire sul proprio impatto socio-ambientale in un contesto di miglioramento continuo, permette di scambiare buone pratiche e di sentirsi supportati da una rete di imprese che condividono gli stessi valori, pur lavorando in settori diversi.

L’evento ha visto anche la partecipazione di AICQ Emilia -Romagna e Innova srl che, da un punto di vista ambientale l’uno e sociale l’altro, hanno permesso di immaginare come potrebbe strutturarsi un processo di bilancio di territorio in cui imprese ed enti locali si confrontano sugli stessi parametri e si co-progettano insieme.

Non sono mancati i saluti della nuova presidente della Federazione per l’Economia del Bene Comune in Italia Lidia Di Vece, del professore senior Antonio Scipioni di CESQA e del vice-sindaco di Padova Arturo Lorenzoni, verso il quale Felber ha indirizzato un invito affinchè la città di Padova sperimenti il bilancio del bene comune.

Al termine dell’evento sono stati proclamati 13 nuovi consulenti dell’Economia del Bene Comune, il risultato di un corso durato una decina di mesi, proposto come corso a catalogo dell’Università di Padova e co-progettato CESQA del Dipartimento di Ingegneria Industriale e Federazione per l’Economia del Bene Comune in Italia. I consulenti sono pronti ad accompagnare le organizzazioni interessate ad avvicinarsi al modello EBC e a promuoverlo sul territorio. Non possiamo che augurare loro “Buon Lavoro!”

RASSEGNA STAMPA

ARTICOLI

Prima dell’evento:

http://www.padovaoggi.it/eventi/economia-bene-comune-felber-bo-12-aprile-2019.html

Il Gazzettino

Padovando

post-evento:

VENETO ECONOMIA https://www.venetoeconomia.it/2019/04/padova-christian-felber-economia-bene-comune/

ITALIA CHE CAMBIA

http://www.italiachecambia.org/2019/04/economia-del-bene-comune-profitti-benessere-collegati/?fbclid=IwAR1v5f-EzspwozuUu8bmXAZWv62O0fv9N-2JlcLyFPd_xWIoYzl49bRYhnY

VIDEO

VENETO ECONOMIA https://www.youtube.com/watch?time_continue=150&v=xjSg112wNso

archiviato sotto: